La guida di venezia

Tour di venezia, guida alla città e non solo..



turisti per caso


Viaggi Europa

Contatti

 


La storia | Visitare Venezia | Ristoranti Venezia | Locali Venezia | Arte e Cultura Venezia
| Trasporti Venezia | Comune di Venezia| Partners Link | Segnala Sito


Il sito è una pratica guida di venezia e inoltre nasce con lo scopo di aiutare la navigazione e la ricerca nel web, con la selezione e offerta di una serie di link a molti siti di contenuti utili.



Negozi a venezia
Negozi a venezia
hotel a venezia
Hotel a Venezia
Taxi per Hotel Centro
cartina mappa di venezia
Mappa e Cartina
Parcheggi Venezia
Taxi Aeroporto Venezia
eventi a venezia
Eventi venezia
telecamera venezia
WebCam Canal Grande
tempo meteo venezia
Tempo venezia
viaggi lowcost
Viaggi
voli lowcost
Voli low cost
migliori hotel italia
Hotel in Italia
lastminute viaggi
Tour Operator Lastminute
Incontri a venezia
Incontri
prestiti, calcola rata
Finanziamenti-Prestiti-Mutui
affitti appartamenti
Affitti appartamenti e locali
cerco lavoro venezia
Cerco Lavoro a venezia
occasioni a venezia
Le occasioni a venezia
ricette cucina
Ricette e Cucina
Tutto sulla casa, impianti, condizionatori, energia
Condizionatori
Impianti Fotovoltaici
Formazione professionale italia istituti
Corsi di formazione
Patente europea
Corsi informatica


Notizie, eventi e novità sempre aggiornate sulla città di Venezia e sul Mondo: Rss

  • Genoma spazzatura 'rigenera' il cervello ROMA - Le cellule nervose del cervello sono state rigenerate grazie alla 'spazzatura' del Dna. O meglio, grazie alle sequenze di genoma che non vengono utilizzate e sono prive di funzione (dette appunto genoma spazzatura), e alle cellule staminali. Un risultato che può aprire nuove strade al trattamento di malattie neurodegenerative come Alzheimer e Parkinson e dei pazienti colpiti da ictus. Lo spiegano sulla rivista Stem Cell Reports i ricercatori dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), guidato da Davide De Pietri Tonelli. Nel cervello esistono delle aree (dette nicchie neurogeniche), dove i neuroni sono continuamente generati dalle cellule staminali ancora indifferenziate, che possono potenzialmente trasformarsi in qualsiasi tipo di cellula. Quando il processo di produzione dei nuovi neuroni viene danneggiato, si può avere una perdita delle facoltà cognitive, depressione e una maggior probabilità di sviluppare malattie neurodegenerative.
  • Contro tifo violento 'partita del cuore' CAGLIARI - Una partita del cuore con in campo personalità del mondo istituzionale di Cagliari e Sassari e, contemporaneamente, uno studio dell'Università di Sassari per tracciare l'identikit del tifoso violento. Sono le decisioni prese ieri sera al termine della prima riunione della conferenza regionale permanente per la "de-radicalizzazione del tifo violento", in prefettura a Cagliari, programmata dopo gli incidenti avvenuti a Sassari il 25 marzo scorso, che ha visto coinvolti un centinaio di tifosi rossoblù e un gruppetto di supporter della Torres, quando era in corso una partita amichevole. "Al fine di disinnescare l'accesa rivalità tra le due tifoserie - spiega la Prefettura - è stata accolta la proposta del sindaco di Sassari, Nicola Sanna, di organizzare per la fine del campionato, una partita del cuore, tra personalità appartenenti al mondo istituzionale di Cagliari e di Sassari, con una raccolta fondi a favore del cittadino siciliano rimasto coinvolto e danneggiato gravemente negli scontri del 25 marzo".
  • Renzi, mai pensato di fare come Macron ROMA - "Quando vedi che persone come Macron fanno certi risultati...io lo sconsigliai Macron, invece ha funzionato ma con il 23 per cento. Non sono mai tentato di fare un mio partito, sono convinto che se dai la parola agli elettori stai in una comunità, chi sputa nel piatto in cui mangia si deve vergognare. Dopo di che il sistema francese con il ballottaggio funziona eccome ed infatti io con il referendum volevo la semplificazione totale". Così Matteo Renzi, a Rtl, alla domanda sulla tentazione di fare un suo partito.
  • Bouchard 'Sharapova dovrebbe smettere' ROMA - Maria Sharapova nel mirino. La campionessa russa torna e vince, ma non tutti sono con lei. Sulla tennista, ex numero uno del mondo, rientrata ieri in campo a Stoccarda in una competizione ufficiale, battendo Roberta Vinci, dopo 15 mesi di squalifica per doping, giungono soprattutto le critiche durissime dalla collega canadese Eugenie Bouchard, numero 59 del mondo e finalista a Wimbledon nel 2014. "Non doveva tornare" dichiara al sito dell'Independent, la campionessa russa è una "imbrogliona"' e la federazione "non doveva riammetterla" in campo. E sulla BBC sport la tennista canadese rincara la dose: "con la sua decisione, la Wta ha lanciato un messaggio sbagliato ai giovani: imbrogliate tanto poi vi daremo il bentornato a braccia aperte. Non credo tutto ciò sia giusto'. Secondo Bouchard, citata anche dal Daily Mail, la Sharapova "non dovrebbe più giocare".
  • Martone a Napoli con Morte di Danton NAPOLI - Riparte dal Teatro Politeama di Napoli, il 3 maggio, la tournée di "Morte di Danton", spettacolo firmato da Mario Martone ed ispirato al celebre dramma di Georg Buchner. 29 gli attori in scena, tra i quali Giuseppe Battiston (Danton), Paolo Pierobon (Robespierre), Iaia Forte, Paolo Graziosi. Il dramma di Buchner fu scritto in sole cinque settimane nel 1835 dallo scrittore, in fuga dall' Assia dove era stato coinvolto in una rivolta. "Morte di Danton" ("Dantons Tod") descrive l'atmosfera degli ultimi giorni del Terrore, la caduta di Danton nel 1794 e l'antagonismo con Robespierre. Il testo è basato sull'antitesi tra i protagonisti della Rivoluzione francese, compagni prima e avversari in seguito, entrambi destinati alla ghigliottina a pochi giorni di distanza l'uno dall'altro. Danton rifiuta il Terrore e difende una visione del mondo liberale e tollerante, consapevole dei limiti dell'azione rivoluzionaria. Robespierre, invece, incarna la linea giacobina, stoica, intransigente e furiosa.
  • Incidente nel Mantovano,morti due 20enni MILANO - Due giovani, entrambi ventenni, sono morti la scorsa notte in un grave incidente stradale che si è verificato a Poggio Rusco (Mantova). Lo ha comunicato il 118. E' accaduto sulla Strada provinciale Ex SS496 poco prima delle 23 di ieri. Secondo quanto si è saputo si sarebbe trattato di un'uscita di strada di un autovettura, finita contro un albero senza il coinvolgimento di altri mezzi. Un giovane di 20 anni è morto sul colpo, un coetaneo, trasportato con 'elisoccorso agli Spedali Civili di Brescia per un grave politrauma, è deceduto una volta giunto al pronto soccorso. Un 21enne è stato trasportato in codice giallo all'ospedale di Mantova.
  • Corea Nord: esperto, finte armi parate ROMA - Le armi sfoggiate dai soldati nordcoreani durante le imponenti parate militari organizzate da Pyongyang sono per gran parte finte: ne e' convinto l'ex funzionario dell'intelligence americana Michael Pregent. L'esperto ha analizzato le immagini della parata militare del 15 aprile scorso ed ha concluso che neanche gli occhiali da sole indossati dai soldati in tuta mimetica avrebbero i requisiti necessari per essere utilizzati in combattimento. Molti dei fucili erano finti, ha proseguito Pregent alla Fox News, ipotizzando che molti soldati imbracciavano anche semplici armi giocattolo. Stessa cosa dicasi per i proiettili fuori misura montati alle estremità di alcuni fucili.
  • Tap: finita messa dimora ulivi eradicati MELENDUGNO (LECCE) - Sono terminate senza incidenti le operazioni di travaso degli 11 ulivi eradicati dai lotti 2 e 3 e riposti in grandi vasi nel lotto 4 del cantiere del gasdotto Tap in località San Basilio, a San Foca di Melendugno. Le operazioni di eradicazione e messa a dimora degli alberi sono state 'scortate' da più di 100 agenti di polizia arrivati sul posto sin dalle 3 della notte per garantire ai tecnici del consorzio Tap di ultimare le attività previste nel primo step dei lavori e più volte interrotte nelle scorse settimane dalla protesta degli attivisti che si oppongono al progetto del gasdotto. Non si sono registrati scontri o disordini. I manifestanti sono rimasti 'confinati' a ridosso del loro presidio manifestando con slogan e cori la loro contrarietà al progetto della multinazionale svizzera. L'uscita dei cinque camion di Tap dal cantiere al termine delle operazioni é stata accompagnata da un tentativo dei manifestanti di aprirsi un varco nel cordone si sicurezza eretto dagli agenti.
  • Armati e pronti a sparare,3 arresti Bari BARI - Avevano armi - tre pistole e una mitraglietta - con il colpo in canna e molto probabilmente erano in procinto di compiere un nuovo agguato le tre persone, tutte con precedenti penali, arrestate ieri dagli agenti della squadra Mobile della Polizia di Bari. I tre sono stati bloccati dalla polizia nel quartiere Japigia, nell'ambito di controlli di prevenzione del crimine, nella flagranza dei reati di detenzione e porto abusivo di armi da fuoco clandestine e ricettazione aggravata in concorso. Uno dei tre pregiudicati è anche sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.
  • Merkel, no diritti a Gb come stato Ue BERLINO - "Un terzo Stato, quale sarà la Gran Bretagna, non potrà avere gli stessi diritti di uno stato europeo". Lo ha detto Angela Merkel al Bundestag, in vista del consiglio europeo sulla Brexit. La cancelliera ha specificato di "dovere esprimere anche concetti che sembrano scontati". "Ho infatti la sensazione che qualcuno in Gran Bretagna si faccia delle illusioni, e deve essere detto chiaramente che questo è tempo sprecato", ha aggiunto.
  • Turchia: sospesi altri 9.103 agenti -
  • Siria: esplosione zona scalo Damasco BEIRUT - E' stata provocata "probabilmente" da un attacco di aerei israeliani la gigantesca esplosione avvenuta stamane nella zona dell'aeroporto di Damasco, secondo quanto afferma la televisione Al Manar del movimento sciita libanese Hezbollah, che partecipa alla guerra civile siriana al fianco delle truppe governative. In passato Israele ha compiuto altri raid su depositi di armi nell'area, che sospettava fossero destinate allo stesso Hezbollah. Ma non ha mai nè confermato nè smentito tali operazioni.
  • Brexit: Gentiloni, sempre amici con Gb ROMA - "Noi ci muoviamo nei negoziati su Brexit con alcuni principi ispiratori: noi siamo e restiamo amici e alleati del Regno Unito, non confondiamo le dinamiche che si sono aperte con Brexit, con un negoziato che tutti sanno molto complicato" con "un punto che deve essere fuori discussione: sarebbe un errore trascurare e rinnegare la radicata e antica amicizia geopolitica" con Londra. Lo afferma il premier Paolo Gentiloni nelle comunicazioni alla Camera in vista del Consiglio europeo straordinario del 29 aprile. "Siamo interessati al fatto che tra le priorità del negoziato, già nella prima fase, ci sia il destino dei cittadini dei diversi Paesi europei che risiedono nel regno Unito" il 15% dei quali sono italiani. "Noi abbiamo il dovere e diritto di pretendere per i nostri concittadini tutele e diritti amministrativi certi, immediatamente applicabili e non discriminatori e basati sul principio di reciprocità" con britannici residenti in Italia.
  • Gentiloni, Brexit non era implosione Ue ROMA - "Credo che si possa dire di questi giorni e di queste settimane che ci separano dalle celebrazioni di Roma, dal tempo trascorso da Brexit e dalla formale decisione di Londra di attivare il processo, che coloro che temevano o speravano che Brexit sarebbe stata una miccia per l'implosione dell'Ue si sono sbagliati". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parlando alla Camera in vista del Consiglio europeo straordinario del 29 aprile 2017 sulla Brexit.
  • Gentiloni, no "vendetta esemplare" su Gb ROMA - "Sarebbe un errore pensare che la posizione inglese debba essere in qualche modo punita con una vendetta esemplare". Lo afferma il premier Paolo Gentiloni parlando alla Camera in occasione del dibattito sul consiglio straordinario di sabato prossimo dedicato alla Brexit. Gentiloni parla di un rapporto "giusto ed equo" con Londra e ribadisce con forza il no del'Italia a qualsiasi ipotesi di mettere in minoranza con atteggiamenti "aggressivi" chi pensi di uscire dall'Unione. "L'unica strada è quella del confronto".
  • Pugilato, sabato sfida Joshua-Klitschko ROMA - Grande pugilato sabato a Londra. Sul ring del Wembley Stadium si sfideranno per la corona mondiale dei pesi massimi il britannico Anthony Joshua, campione in carica Wba e Ibf, e lo sfidante ucraino Wladimir Klitschko. In palio c'è anche il titolo Ibo, vacante dopo la squalifica di Tyson Fury. Il match è di quelli destinati a restare negli annali della boxe, perchè vedrà di fronte il 27enne britannico che uno score impressionante di 18 vittorie per ko in altrettanti incontri disputati, e il 41enne ucraino ormai a fine corsa dopo una carriera entusiasmante che lo ha visto a lungo campione del mondo della specialità, con 64 vittorie e solo 4 sconfitte da professionista.
  • Aerotaxi, voli lusso senza pagare fisco CAGLIARI - Trasportavano in Sardegna vip e professionisti facoltosi, ma al fisco non versavano nemmeno un euro delle tasse previste. E' quanto hanno scoperto i militari della Guardia di finanza del Gruppo di Cagliari che, con l'operazione "Flying Tax" hanno portato alla luce una evasione fiscale di circa un milione e 150mila euro, coinvolte 305 società straniere e 60 italiane. Le indagini delle Fiamme gialle si sono concentrate sugli "aerotaxi", voli privati noleggiati da personaggi facoltosi per raggiungere la Sardegna, in questo caso lo scalo di Cagliari-Elmas, durante l'estate o le festività. Complessivamente sono state controllate, dal 2014 a oggi, 357 compagnie di volo straniere. Di queste l'85% (corrispondenti a 305) ha sistematicamente evaso il tributo dovuto, per un ammontare complessivo di oltre 1,1 mln, somma relativa ai 1.455 voli ispezionati che hanno visto il trasporto di oltre 6.000 passeggeri. Discorso analogo per altre 25 società italiane che non hanno versato 35mila euro di tasse.
  • Mani 'rampolli' cosche su movida, fermi REGGIO CALABRIA - Esponenti di primo piano della cosca Condello di Reggio Calabria agendo in sintonia con alcuni "rampolli" della cosca Tegano, avevano assunto la gestione monopolistica dei servizi di "buttafuori" dei principali locali d'intrattenimento serale e notturno di Reggio Calabria. É quanto é emerso da un'inchiesta coordinata dalla Dda reggina che ha portato a 15 fermi eseguiti dai carabinieri del Comando provinciale e dalla Squadra mobile. L'indagine, denominata "Eracle" è nata dalla necessità, avvertita dalla Procura diretta da Federico Cafiero De Raho, di contrastare la serie di aggressioni, risse ed intimidazioni che hanno funestato la movida reggina negli ultimi anni, soprattutto nei locali sul lungomare. Le giovani leve della 'ndrangheta, secondo l'accusa, evocando la loro appartenenza a storici casati del quartiere di Archi, si sono proposti quale gruppo dominante della scena serale e notturna della città, intimidendo o aggredendo chiunque non riconoscesse loro questo specifico ruolo.
  • United,10mila dlr per rinunciare a posto DALLAS - La United Airlines offrirà fino a 10.000 dollari (9.170 euro euro) ai passeggeri che rinunceranno volontariamente al loro posto, accettando di prendere un altro volo, in caso di overbooking: e' questa una delle misure che la compagnia aerea Usa ha annunciato oggi per prevenire in futuro episodi come quello del 9 aprile scorso, quando un passeggero 69enne e' stato trascinato di peso fuori dall'aereo dopo essersi rifiutato di cedere la propria poltrona. In un rapporto pubblicato oggi, la United si impegna inoltre a ridurre, ma non ad eliminare, la pratica dell'overbooking, cioe' la vendita di un maggior numero di biglietti rispetto al numero di posti su un determinato volo. L'offerta United segue una simile decisione della concorrente Delta, che si e' impegnata a pagare fino a 9.950 dollari in caso di overbooking. Da parte sua, l'amministratore delegato di United ha ammesso che l'episodio del 9 aprile, ripreso in un video che ha fatto il giro del cyberspazio, potrebbe danneggiare la reputazione del vettore.
  • Trump: Usa non si ritireranno da Nafta WASHINGTON - Il presidente Donald Trump ha rassicurato i leader di Messico e Canada che non porterà gli Stati Uniti fuori dal Nafta, il North American Free Trade Agreement, solo poche ore dopo che alcuni alti funzionari dell'amministrazione avevano rivelato di essere al lavoro su un decreto a questo scopo. La Casa Bianca ha fatto l'annuncio a sorpresa diffondendo il testo di colloqui telefonici tra Trump, il presidente messicano Enrique Pena Nieto e il primo ministro canadese Justin Trudeau."Il presidente Trump - riferisce la Casa Bianca - ha concordato sulla decisione di non porre fine agli accordi Nafta in questo momento e i leader hanno concordato di procedere rapidamente, nel rispetto delle rispettive procedure interne, ad avviare la rinegoziazione degli accordi Nafta a beneficio di tutti e tre i Paesi". Trump ha aggiunto di credere che "il risultato finale renderà i tre Paesi più forti e migliori".