In rilievo :

Da Aeroporto a Venezia

Taxi venezia per Hotel

Parcheggi Venezia

Trasporti Venezia

Mappa di Venezia

 

 


   Pubblicità

provincia venezia

La provincia di Venezia con una superficie di 2460 km2, e una popolazione di 840.000 abitanti divisi in 43 comuni si estende dai comuni veneti di Rovigo a Sud, Padova a ovest, Treviso a Nord e Udine Nord-Est, alla stretta fascia di bassa pianura costiera con un altitudine massima di 20 metri, che dall'estremo corso inferiore dell'Adige per circa 100 km si allunga fino al delta del Tagliamento e si inoltra con tre salienti verso l'interno alle spalle della laguna delle zone di Cavarzere, di Mestre e di Portogruaro.delta tagliamento

Tutto il territorio della provincia è formato da terreni d'origine alluvionale di composizione varia ( sabbie, ghiaie, marne, argille e crete) e anche da qualche lembo sia di formazioni conglomeratiche, sia torbose, oltre che da lidi sabbiosi e da barene d'accumulo ad opera del moto ondoso di riflusso al bordo delle lagune come quella morta di Càorle e quella viva di Venezia, all'interno della quale si trovano i porti principali di San Marco e dell'Arsenale, di Marghera.


Si tratta di terreni geologicamente fra i più recenti d'Italia, spesso depressi sotto il livello del mare e tutti intrisi d'acque ma bonificati per circa 15.000 ha, cioè per più di metà della loro superficie soprattutto a levante di Venezia., sino a Nord della linea ferroviaria Mestre-Portogruaro; oltre ai fiumi già citati e ai bassi corsi del Brenta, del Piave, del Livenza si aggiungono altri corsi di acqua come il Merzenego, il Dese, lo Zero, il Nallio, il Loncon, il Lémene, quasi tutti canalizzati.
Data la conformità del territorio, la popolazione è fortemente accentrata soprattutto nel capoluogo, a Chioggia, Mira, San Donà di Piave, Portogruaro, Cavarzere, Jesolo, centri della provincia. Lo sviluppo delle attività turistiche ed industriali ha diminuito le emigrazioni verso le altre province italiane. Buona parte della popolazione si dedica ancora all'agricoltura con coltivazioni foraggere permanenti, seminativi, coltivazioni legnose agrarie.

provincia di veneziaMentre il bordo costiero, comprese le barene, si presta all'orticoltura in genere e in particolare alla coltivazione di primizie, subito dietro il litorale il suolo è investito a frumento, a mais, a barbabietole da zucchero che alimentano le attività di notevoli zuccherifici.
Cavarzere, Ceggia, Villanova di Porto-colture foraggere sostengono un discreto patrimonio zootecnico che ha segnato nel dopoguerra un continuo netto miglioramento nel senso della specializzazione per produzione di carne e di latte. Le colture arboree specializzate, con le utilizzazioni promiscue, fruttano una discreta produzione di pesche, pere, mele, pure d'uva da vini di buona qualità come quelli del Piave e il Tocai di Lison e Annone Veneto.
Consistente è stato lo sviluppo industriale della provincia in questi ultimi anni; vi hanno sede infatti, importanti complessi di produzione che operano nei settori chimico, petrolchimico, metallurgico, meccanico, cantieristico, concentrati in massima parte nei centri contigui di Mestre e Marghera.
Il turismo nella provincia di Venezia, in ulteriore espansione, è richiamato soprattutto dalla ricchezza dei tesori artistici del capoluogo e della numerose località balneari come Caorle, Bibione, lesolo.
Molto intenso è il traffico commerciale, favorito da un efficiente sistema di comunicazioni, una fitta rete stradale, ferroviaria, di vie navigabili interne.
Le comunicazioni sono state inoltre favorite dall'apertura delle autostrade Venezia.-Trieste e Venezia.-Vittorio Veneto

Sito ufficiale della provincia di venezia www.provincia.venezia.it